admin May 12, 2018

Da bambino era un fan di “Barcelona”, per il quale, come ha detto più tardi, sogna ancora di giocare un giorno. È vero, prima di trasferirsi in Inghilterra per l’allenatore, che adora lo stile del gioco, simile al catalano. Ma prima che Mohamed dovesse sfondare in Europa. Già all’età di 18 ha fatto il suo debutto in Egyptian Premier League, dove ha trascorso due stagioni come un giocatore forte nella rotazione (35 partite durante questo periodo). Nell’estate del 2012 come parte della squadra olimpica della egiziano Al-Nenni con lo stesso Salah parla ai Giochi olimpici di Londra, dove la sua squadra avanzato ai quarti di finale, battendo la Nuova Zelanda e la Bielorussia ed eroicamente perso 2: 3 brasiliani, per i quali ha giocato Neymar, Hulk, Thiago Silva, Marcelo, Oscar e altre stelle. Egiziani prima del quarto citato alla pari con i giapponesi, ma inaspettatamente sconfitto avversario 3: 0 e gli Egiziani mandati a casa.

Tuttavia, lo stesso El Nenni ritornò presto nel Vecchio Mondo.

Svizzera: come il formaggio nel burro

Nel gennaio del 2013, il centrocampista di supporto, che è stato ricordato per le Olimpiadi, ha affittato l’ammiraglia del calcio svizzero “Basilea”. Mezzo anno il club è stato sufficiente a comprendere le dimensioni del potenziale del giocatore. In questo caso, al momento il club ha giocato Salah, che ha segnato in ogni partita della fase a gironi, in modo che in Egitto molti pensavano che Al-Nenni presa per meglio adattarsi amico per non annoiarsi. Tuttavia, in realtà, Salah, un estroverso per natura, l’acclimatazione è stata data molto più facile rispetto al suo amico.

“Che cosa ho provato? Ho avuto una sensazione – paura “, ha ammesso più tardi il centrocampista. “Ero in prestito e dubitavo che potessi essere abbastanza buono per Basilea da offrirmi un contratto. Quando il nostro allenatore Murad Yakin ha iniziato a liberarmi nella prima squadra, ero l’uomo più felice del mondo. ”

Nonostante la paura, nella prima stagione Al-Nenni con la squadra ha vinto non solo il campionato nazionale, ma anche raggiunto le semifinali di Europa League, perdendo a “Chelsea” (un altro incrocio con il calcio inglese). E nella prossima stagione e ha giocato in tutte le 48 delle 58 partite di “Basilea” nella stagione, ancora una volta ha vinto il titolo di campioni e lontano, questa volta per i quarti di finale, di entrare in Europa League.